Mediante sentenza datata 28 settembre 2017 la Pretura penale del cantone Ticino ha confermato il decreto d'accusa del Ministero pubblico a carico della signora Lisa Bosia. Le motivazioni scritte verranno notificate solamente nelle prossime settimane. Nel frattempo la signora Lisa Bosia annuncia la presentazione del ricorso in appello contro la sentenza suddetta. Pertanto la signora Lisa Bosia continua a potersi prevalere della presunzione di innocenza fintanto che non sarà stata pronunciata la sentenza finale dell'ultima istanza giudiziaria competente.

Comunicato stampa - Complemento di informazioni riguardo alla sentenza

Qui di seguito pubblichiamo la presa di posizione della sezione svizzera di Amnesty International in merito alla sentenza.

cliccare sull'immagine per scaricare il documento originale